Risparmio energetico aziendale: come scegliere il fornitore ideale per le PMI

Risparmio energetico aziendale: come scegliere il fornitore ideale per le PMI

Le bollette di luce e gas possono apparire complesse, ma con una corretta comprensione delle diverse voci che le compongono, è possibile identificare strategie efficaci per ottimizzare i costi e scegliere il fornitore di energia più adatto per ottimizzare il risparmio energetico aziendale di una PMI.

Come leggere le voci in bolletta

Capire le diverse voci in bolletta non è solo una necessità amministrativa. Una lettura accurata e consapevole della bolletta energetica permette alle aziende di identificare aree di potenziale risparmio, comprendere meglio la struttura dei costi energetici e valutare l’efficacia delle strategie di risparmio energetico aziendale.

Questa comprensione diventa ancora più critica quando si è in procinto di scegliere un nuovo fornitore di energia, poiché solo attraverso una chiara interpretazione delle voci di spesa è possibile fare confronti informati tra le diverse opzioni disponibili e selezionare quella che meglio si adatta alle esigenze specifiche dell’azienda.

La bolletta energetica di un’azienda è suddivisa in tre sezioni principali che meritano una particolare attenzione per chi è alla ricerca di modi efficaci per gestire e ridurre i costi energetici. Comprendere queste sezioni non solo aiuta a monitorare l’uso dell’energia, ma è essenziale quando si valutano le opzioni per cambiare fornitore o per ottimizzare l’accordo energetico esistente.

Ecco le tre sezioni.

Sintesi

La prima sezione, la sintesi, fornisce una visione generale dei dettagli principali della bolletta, come l’indirizzo di spedizione e l’importo totale dovuto. Questa parte serve come un’introduzione ai dettagli più specifici che seguiranno.

La bolletta si apre con una pagina riassuntiva che fornisce informazioni essenziali come l’indirizzo di spedizione, i dettagli di fornitura (ad esempio, il codice POD o PDR) e l’importo totale da pagare.

Dettaglio

Segue il dettaglio dei costi, che si divide in tre parti critiche. Questa sezione è dove una PMI può identificare le aree chiave dove potrebbero essere realizzati i risparmi.

La bolletta è suddivisa in più sezioni che dettagliano i costi:

  • Costi di vendita: questi sono i costi variabili che dipendono dal consumo effettivo di energia e dalla tariffa applicata.
  • Costi di rete: costi fissi determinati dall’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas per la manutenzione delle infrastrutture di rete.
  • Imposte: comprendono IVA e altre tasse locali o regionali.

Comunicazioni

Infine, la sezione delle comunicazioni spesso contiene avvisi o aggiornamenti importanti dal fornitore di energia, nonché informazioni utili per il pagamento. A volte questa parte contiene dettagli vitali per approfittare di offerte speciali o comprendere meglio le modifiche normative.

In questa sezione è esplicitato il totale che l’azienda deve pagare per l’energia consumata e per i servizi associati.

Come risparmiare sulla bolletta

Indipendentemente dalla scelta del fornitore di energia, una gestione oculata del consumo energetico è essenziale per qualsiasi impresa che mira a ottimizzare i propri costi operativi e migliorare la propria sostenibilità ambientale.

Questa sezione illustrerà una serie di consigli pratici e misure che le piccole e medie imprese possono adottare per ridurre i loro costi energetici. Dall’impiego di tecnologie più efficienti alla revisione delle abitudini quotidiane in ufficio, scopriremo come piccoli cambiamenti possano tradursi in significativi risparmi in bolletta.

Per ridurre i costi energetici aziendali, considera i seguenti aspetti:

  • Illuminazione efficiente: opta per lampadine a LED.
  • Spegnimento degli apparecchi in standby: riduci il consumo di energia dei dispositivi non in uso.
  • Isolamento termico: migliora l’isolamento di porte e finestre.
  • Termostato programmabile: regola la temperatura in base agli orari di attività aziendale.
  • Elettrodomestici ad alta efficienza: preferisci quelli con etichetta energetica A++.
  • Energia solare: valuta l’installazione di pannelli solari.
  • Monitoraggio dei consumi: tieni traccia dell’energia utilizzata e cerca di minimizzare gli sprechi.
  • Tariffe energetiche vantaggiose: confronta le offerte dei diversi fornitori.

Implementando queste soluzioni, le aziende possono non solo abbattere i costi, ma anche posizionarsi come responsabili verso l’ambiente, riducendo la propria impronta ecologica. Questo impegno verso l’efficienza energetica rimane fondamentale, a prescindere dal fornitore scelto, e rappresenta un investimento intelligente per il futuro dell’azienda.

Risparmio energetico aziendale: come scegliere la tariffa migliore

Scegliere la tariffa energetica giusta è fondamentale per massimizzare il risparmio e ottimizzare l’efficienza energetica aziendale. Analizziamo ora come identificare e selezionare il fornitore e la tariffa più adatti alle esigenze specifiche della tua impresa, garantendo che ogni decisione contribuisca positivamente alla gestione dei costi e all’impatto ambientale dell’attività.

La scelta del fornitore ideale va oltre il semplice confronto dei prezzi. È fondamentale considerare vari aspetti per fare una scelta informata e vantaggiosa:

  • Prezzo e qualità del servizio: valuta il rapporto qualità-prezzo del servizio offerto.
  • Condizioni di pagamento: cerca fornitori che offrono condizioni di pagamento flessibili, che possono facilitare la gestione finanziaria dell’azienda.
  • Puntualità e assistenza al cliente: un fornitore affidabile è puntuale nelle consegne e proattivo nel supporto al cliente.
  • Sostenibilità: preferisci fornitori che offrono opzioni energetiche sostenibili o che adottano pratiche ecocompatibili.

Scegliere con attenzione il fornitore di energia non solo può ridurre significativamente i costi, ma può anche contribuire al profilo di sostenibilità della tua azienda.

Ti suggeriamo di consultare il portale ufficiale e indipendente di Arera: www.ilportaleofferte.it, molto chiaro e semplice da navigare. Qui è possibile consultare tutte le offerte presenti e confrontarle. Per capire come funziona il complicato mondo delle utenze di luce e gas, abbiamo attivato un servizio dedicato.

Il servizio CNA: una convenzione per aiutarti a scegliere il fornitore

E qui veniamo al punto. Tutti abbiamo toccato con mano come, negli ultimi anni, sia diventato sempre più difficile se non impossibile poter parlare con un operatore di call center al quale chiedere informazioni. Ormai sono sempre più diffusi i risponditori automatici, che però spesso non sono in grado di darci le risposte che cerchiamo, oppure ci fanno perdere un sacco di tempo tra attese e interni da digitare.

Anche per ovviare a questi motivi, CNA Bergamo ha stipulato una convenzione con un operatore attivo da tempo nel settore energia al quale imprese e privati possono rivolgersi per:

  • analisi della propria bolletta luce e/o gas;
  • ricerca e formulazione delle migliori offerte sul mercato;
  • assistenza post vendita.

Se sei interessato a saperne di più?

Richiedi maggiori informazioni ad Andrea Della Valentina, andrea.d@cnabergamo.it o chiama il numero 035-285.198.

A cura di /

comunicazione@cnabergamo.it

Commenta