Sostegno competitività strutture alberghiere e non alberghiere

Sostegno alla competitività delle strutture ricettive alberghiere e non alberghiere all’aria aperta

Il bando promuove progetti di realizzazione e riqualificazione delle strutture ricettive alberghiere e delle strutture ricettive non alberghiere all’aria aperta aventi forma giuridica d’impresa.

 

Soggetti beneficiari

Micro, piccole e medie imprese, incluse le ditte individuali, che esercitano l’attività:
• ricettiva alberghiera ai sensi del capo II della legge regionale n. 27/2015 (alberghi o hotel; residenze turistico-alberghiere; alberghi diffusi; condhotel)
• ricettiva non alberghiera all’aria aperta ai sensi del capo V della legge regionale n. 27/2015 (villaggi turistici, campeggi e aree di sosta)

Con i seguenti requisiti:

• essere iscritti al registro delle imprese;
• presentare un progetto da realizzare sul territorio della Lombardia presso una sede operativa attiva o da attivare;
• dichiarare la conformità dell’intervento alla disciplina urbanistica comunale vigente laddove sia prevista tale dichiarazione;
• essere in regola rispetto alla verifica della regolarità contributiva;
• essere in regola con la normativa antimafia.

 

Progetti finanziabili

Sono ammissibili al bando progetti di realizzazione e riqualificazione di strutture ricettive alberghiere e non alberghiere che si riferiscono ad una o più delle seguenti tipologie di intervento:
• realizzazione, ristrutturazione e riqualificazione degli immobili/aree destinati all’attività ricettiva e/o delle strutture ed infrastrutture complementari direttamente connesse;
• acquisto e installazione di arredi, macchinari e/o attrezzature anche di carattere tecno-logico.

 

Spese ammissibili

Per i progetti presentati da:
1) imprese proprietarie delle strutture ricettive alberghiere e delle strutture ricettive non alberghiere all’aria aperta oggetto di intervento;
2) imprese che gestiscono o intendono gestire, in virtù di un contratto di affitto o di un’altra tipologia di contratto riconosciuta nell’ordinamento giuridico, le strutture ricettive alberghiere e le strutture ricettive non alberghiere all’aria aperta oggetto di intervento purché i proprietari degli immobili in cui è esercitata l’attività siano persone fisiche che non svolgono attività economica;

Le spese ammissibili possono essere:

a) arredi, macchinari e attrezzature
b) opere edili-murarie e impiantistiche
c) progettazione e direzione lavori per un massimo dell’8% delle spese ammissibili di cui alla lettera b)
d) spese generali forfettarie per un valore del 7% delle spese ammissibili di cui alle lettere a), b) e c) conformemente all’articolo 67 c.1 del Regolamento (UE) n. 1303/2013.

3) Imprese che gestiscono o intendono gestire, in virtù di un contratto di affitto o di un’altra tipologia di contratto riconosciuta nell’ordinamento giuridico, attività ricettiva alberghiera o attività ricettiva non alberghiera all’aria aperta in immobili di proprietà di persone fisiche che svolgono attività economica o di persone giuridiche

Le spese ammissibili possono essere:
a) arredi, macchinari e attrezzature
b) opere edili-murarie e impiantistiche unicamente per i costi delle opere strettamente funzionali e necessarie all’installazione di arredi, macchinari, attrezzature nella misura massima del 20% dei costi ammissibili per l’acquisto dei beni installati di cui alla lettera a);
d) spese generali forfettarie per un valore del 7% delle spese ammissibili di cui alle lettere a) e b) conformemente all’articolo 67 c.1 del Regolamento (UE) n. 1303/2013.

 

Presentazione delle domande

È possibile presentare domanda di contributo dalle ore 12.00 del 21 luglio 2020 fino alle ore 12.00 del 15 ottobre 2020, sulla piattaforma Bandi Online

 

Intensità di aiuto e tipo di contributo

L’agevolazione consiste in un contributo a fondo perduto pari al 50% delle spese considerate ammissibili, con un investimento minimo di €80.000,00 e un contributo massimo di €200.000,00.

 

Procedura

Valutativa a graduatoria

 

Modalità e adempimenti per l’erogazione dell’agevolazione

Entro 15 giorni dalla data di pubblicazione della graduatoria, il soggetto beneficiario deve comunicare l’accettazione del contributo.
L’agevolazione viene erogata al massimo in due tranche:
a) anticipo facoltativo pari al 50% dell’agevolazione ammessa a fronte di presentazione di regolare fideiussione bancaria o assicurativa, entro e non oltre il 270° giorno solare e consecutivo dalla pubblicazione sul BURL della graduatoria previa dimostrazione dell’avvio del progetto;
b) saldo dell’agevolazione ammessa a seguito della conclusione del progetto e della presentazione della rendicontazione finale.

Ulteriori informazioni

Per approfondire le opportunità offerte dal bando, contattaci:

Ufficio Sviluppo Impresa

Stefania Zampatti

stefania.z@cnabergamo.it – 035/285190

Commenta